Documenti, procedure e costi per i matrimoni

All’atto della prenotazione gli sposi riceveranno dal Rettore l’Attestato, che dovrà essere compilato dal parroco della sposa o dello sposo. La prenotazione è provvisoria ed ha una durata di 14 giorni, entro i quali gli sposi dovranno consegnare al Rettore il suddetto Attestato debitamente compilato per la conferma definitiva. Altrimenti la prenotazione sarà cancellata.

I documenti da richiedere per il matrimonio sono i seguenti:

  • Documenti di stato civile:
    -Il certificato di stato civile in carta semplice si può richiedere presso il proprio comune di residenza.
  • Documenti religiosi:
    -Il certificato di Battesimo, per uso matrimonio, si può ritirare presso la parrocchia dove si è stati battezzati.
    -Il certificato di Cresima, si può ritirare presso la parrocchia dove si è ricevuta la Cresima oppure presso  l’archivio storico del Vicariato o della Diocesi di appartenenza.

Il parroco della sposa oppure dello sposo dovrà ricevere i suddetti documenti dagli sposi e sarà lui a preparare il modulo XIV.

In seguito gli sposi dovranno consegnare il modulo XIV e tutti gli altri documenti, all’Ufficio per i Matrimoni del Vicariato di Roma che si trova in Piazza San Giovanni in Laterano. Tale ufficio provvederà poi al rilascio del Nulla Osta, dopo il giuramento degli sposi e l’affissione delle pubblicazioni nelle parrocchie degli sposi.

Il Modulo XIV, comprensivo di Nulla Osta rilasciato dal Vicariato di Roma, deve essere consegnato dagli sposi almeno un mese prima del matrimonio alla Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli (Piazza Campitelli 9, alle spalle del Teatro di Marcello; telefono e fax 06 68 80 39 78, email santamariainportico@vicariatusurbis.org . L’ufficio è aperto tutti i giorni dalle 10:00 alle 12:30, escluso il giovedì).

Nella stessa settimana in cui si consegna il Modulo XIV alla Parrocchia di Santa Maria in Portico in Campitelli, gli sposi si devono recare presso la Basilica di San Giorgio in Velabro per comunicare: il nome ed il cognome del celebrante del matrimonio, l’elenco dei testimoni con le loro generalità (nome, cognome, età e città), il regime del matrimonio scelto, se intendono avvalersi dell’organo della chiesa, del violino e del soprano (cantante), il nome ed il telefono di coloro che si occuperanno degli addobbi e dei fiori.

Per la celebrazione del matrimonio in una Rettoria, come San Giorgio in Velabro, il contributo richiesto per le spese è fissato dal Vicariato è di 270,00 €. Tale contributo dovrà essere saldato dagli sposi al Rettore della Chiesa San Giorgio in Velabro un mese prima del matrimonio, ossia quando si vengono a comunicare le informazioni di cui al punto 3. La quota comprende: i versamenti dovuti al Vicariato, alle Parrocchie (la parrocchia degli sposi e la parrocchia di S. Maria in Portico in Campitelli) e alla Basilica.

Non sono comprese le spese per la musica, per l’addobbo, per la tappezzeria e per i fiori.

Il certificato di matrimonio sarà dato agli sposi il giorno della celebrazione del matrimonio.